Non ci sono moltissime notizie storiche su Palazzo Beltrani ma si sa con certezza che appartenne ai Passapepe di Verona che lo vendettero nel 1654 alla famiglia nobiliare Beltrani da cui, poi, prese il nome.

Di tale famiglia ricordiamo in particolare Giuseppe Beltrani, primo sindaco di Trani nel 1860, Consigliere Provinciale di Bari, vero mecenate delle arti, tanto da promuovere i restauri del Teatro comunale (purtroppo demolito nel 1958), da commissionare il sipario dipinto da Biagio Molinaro e da ospitare all’interno del suo Palazzo artisti e uomini di cultura.

Nell’atrio di ingresso del Palazzo è possibile ammirare lo stemma della famiglia caratterizzato da un sole sormontato da un archetto a forma di una V capovolta e una stele sagomata con cornici e un’iscrizione in lingua latina del II secolo d.C..

In questa sede, di proprietà comunale, dopo molti anni di restauro, è stato istituito il Palazzo delle Arti “Beltrani” con delibera di Giunta comunale n. 144 del 9 ottobre 2009 ed inaugurato, con apertura al pubblico, in data 30 dicembre 2009. Da quel giorno Palazzo Beltrani è stato definito un “Museo a carattere polifunzionale” in quanto centro culturale di riferimento cittadino e contenitore artistico di rilievo in cui accogliere le varie tipologie di Arte.

Poiché non si è conservato nessun tipo di arredo del Palazzo, oggi, il Museo accoglie eterogenee collezioni collegate alla storia della città ed ai suoi personaggi illustri che si sono notevolmente arricchite nel tempo tanto da costituire una raccolta di tutto rispetto. Le opere d’arte hanno differente provenienza, infatti, derivano per la maggior parte da donazioni, comodati d’uso e prestiti inerenti soprattutto all’ambito territoriale regionale. Al primo piano, che ospita le esposizioni permanenti, si trova la Pinacoteca dedicata all’illustre pittore Ivo Scaringi (1937 - 1998). Qui si trovano, oltre ai quadri di Ivo Scaringi, gentilmente concessi dalla famiglia per mezzo del comodato d’uso, anche le collezioni di proprietà comunale riguardanti l’Ottocento, le donazioni delle Famiglie Ladogana, Lacalamita - Marcone, di Renzo, Ciccolani e dell’artista Matteo Masiello. Infine, spiccano anche altre opere di pregio derivate da un prestito di un notaio di Corato.

All’interno del Palazzo delle Arti Beltrani si trova, inoltre, una consistente raccolta di testi a contenuto storico - artistico, specializzati in particolare in storia dell’arte, acquisiti sempre mediante differenti lasciti e donazioni, da consultare per motivi di studio ed approfondimento nel Centro di Consultazione.

Sin dalla sua istituzione, oltre le mostre permanenti, il Palazzo delle Arti Beltrani ha ospitato numerose mostre temporanee e varie iniziative artistico - culturali di successo. Grazie al suo fascino e alla sua storia, in occasione di conferenze, presentazioni di libri, incontri, convegni, eventi, concerti è sempre stato raggiunto un livello qualitativo molto alto.

L’edificio, che si sviluppa su un piano terra e due piani superiori, dispone di ampie sale che ben si prestano all’organizzazione di manifestazioni turistico - culturali di ogni tipo ed una corte interna al primo piano destinata a diventare un Museo a cielo aperto.

Attualmente la Struttura Museale è data in concessione a privati che ne curano la gestione.

Il Palazzo delle Arti oggi mira a trasformarsi in Centro Culturale Polifunzionale della città di Trani di degno rispetto e con ampio raggio d’azione nel territorio nazionale.

SEDE

Il Palazzo delle Arti “Beltrani”, affacciato sull’omonima strada nel borgo antico di Trani, in posizione strategica e privilegiata, nei pressi della Cattedrale e del Castello Svevo, è un luogo rappresentativo della città in quanto in passato fu la dimora di importanti famiglie nobiliari. Al 2° piano del Palazzo, dedicato alle mostre permanenti, si trova la Pinacoteca “Ivo Scaringi” che raccoglie, oltre i quadri del maestro Scaringi, anche altre opere di proprietà comunale.

INDIRIZZO E RECAPITI
  • Via Beltrani, n. 51 - 76125 Trani BT
  • Tel. 0883 500044
  • Fax 0883 500044
  • info@palazzodelleartibeltrani.it
  • amministrazione@pec.palazzodelleartibeltrani.it